Come migliorare il proprio SEO grazie a Google My Business?

Assicurare la visibilità dei vostri punti vendita su Google è una dell’vostre priorità e per questo abbiamo realizzato una pratica guida illustrata per ottimizzare le SEO delle vostre schede Google My Business.

I 4 indispensabili

  • La categoria principale e le sottocategorie

Ipermercato? Supermercato? Alimentari? Assicuratevi che tutti i vostri punti vendita scelgano un’unica categoria principale per una migliore coerenza e un migliore SEO (referenziamento) locale.

Ma per avere una marcia in più, avete mai pensato di utilizzare una delle 9 sottocategorie che vi permettono d’indicare le altre attività che potrebbero interessare ai vostri futuri clienti? Avete la possibilità di scegliere tra ben 1183 possibilità.

  • Gli orari eccezionali

Non impazzite più dietro a domeniche, giorni festivi e i periodi di saldi.

Oltre ad evitare la frustrazione dei vostri clienti, Google ricompensa largamente gli stabilimenti che aggiornano i loro orari eccezionali. Immaginate le vendite addizionali realizzabili essendo tra i primi risultati di ricerca a Ferragosto o il giorno dell’Immacolata, quando nessun concorrente ha aggiornato i propri orari festivi. Inoltre, aggiornare i vostri orari vi eviterà di ricevere dei commenti negativi.

  • Le foto

Secondo uno studio del sito Bright Local, il 60 % dei consumatori ritengono le foto un elemento di decisione chiave per scegliere uno stabilimento piuttosto che un altro. Inoltre, i punti vendita con foto professionali ricevono il 42% in più di domande d’itinerario. Le foto sono la prima impressione che date al cliente. Proprio per questo, non dovete esitare a completare tutte le campi richiesti per migliorare il vostro SEO.

    • Logo : 1 foto
    • Cover : 1 foto
    • Interni: 3 foto minimo, aggiungete anche una foto del vostro team e dell’ingresso o accoglienza
    • Esterni: 3 foto minimo
  • Prodotti/ Servizi: per evidenziare le vostre offerte migliori

Google vi permette anche di sapere quali foto funzionano meglio!

Un esempio da evitare:

La foto non evidenzia la presenza di una banca.

Un esempio da seguire, i negozi Leroy Merlin:

Le foto professionali dell’negozio Leroy Merlin a Olmi (TV)

  • La descrizione

Con l’aumentare delle ricerche vocali, da qui al 2020, il 50 % delle ricerche Google saranno effettuate vocalmente (Siri, Google, Cortana, etc). Ed è proprio ora il momento di attivarsi per avere un testo descrittivo adatto alle ricerche vocali.

Lo sapevate che?

Google Shopping

La piattaforma di e-commerce di Google può essere connessa direttamente alle vostre schede Google My Business per facilitare ancor di più la vita degli utenti internet. Grazie a questa sara possibile per i vostri clienti di veder eil vostro catalogo prodotti, di fare acquisti in linea o di recarsi in negozio. Inoltre, il 38%  degli utenti è più propenso a recarsi in negozio dopo aver verificato la disponibilità su internet.

Magari ci siete passati accanto …

Google Post

Credete che annunciare una promozione, una novità o una vendita flash in diretta sulla vostra scheda GMB sia un sogno?

Non più! Ora è possibile. Grazie a questa nuova funzionalità è possibile diffondere le giuste informazioni al momento giusto per aumentare il vostro traffico drive to store.

La nuova funzionalità presenta 3 differenti categorie: Promozioni, Avvenimenti ed Attualità Prodotti.

Per ottenere una demo

  •  

Fatevi vedere con Partoo!

Su Partoo
Partoo vi rende visibili in sempre ed ovunque online: Generando fino a 7 volte in più di contatti rispetto al vostro sito internet, aumentando il vostro traffico web-to-store e migliorando l’interazione con i vostri clienti grazie alle recensioni.
Lavoriamo con 50.000 punti vendita e più di 180 insegne in Europa tra cui Carrefour, Burger King, BMM, Leroy Merlin, Massimo Dutti, Stroili Oro…

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑